Vaccino contro l’aviaria, gli Stati Uniti e l’Europa vogliono proteggere i lavoratori a rischio

Secondo Reuters, Stati Uniti ed Europa si starebbero muovendo per l’acquisto e la produzione di vaccini contro l’aviaria per proteggere i lavoratori a rischio. Ecco tutto quello che c’è da sapere a riguardo

Negli Stati Uniti e in Europa, sono in corso sforzi per ottenere o produrre vaccini contro l’influenza aviaria H5N1. Questi vaccini potrebbero essere impiegati per proteggere il pollame a rischio, gli operatori del settore lattiero-caseario, i veterinari e i tecnici di laboratorio. Secondo gli esperti, la disponibilità di questi vaccini potrebbe contribuire a mitigare la minaccia di una pandemia. La scorsa settimana, le autorità statunitensi hanno annunciato il trasferimento del vaccino grezzo fornito da CSL Seqirus in dosi finiti, corrispondenti strettamente al virus attuale, per un totale di 4,8 milioni di dosi. Nel frattempo, funzionari sanitari europei hanno confermato trattative per l’acquisizione del vaccino prepandemico di CSL. Ma vediamo tutti i dettagli.

Vaccini contro l’influenza aviaria in USA ed Europa, ecco il lunto della situazione

Negli Stati Uniti e in Europa, sono in corso azioni per ottenere o sviluppare vaccini contro l’influenza aviaria H5N1, destinati a proteggere pollame, lavoratori del settore lattiero-caseario, veterinari e tecnici di laboratorio a rischio. L’agenzia Reuters ha riportato questa notizia citando fonti governative, in seguito a due casi di contagio umano. Secondo gli esperti di influenza, questa strategia potrebbe attenuare il rischio di una nuova pandemia.

La scorsa settimana, funzionari degli Stati Uniti hanno coinvolto la società farmaceutica Csl Seqirus. In parallelo, funzionari sanitari europei hanno confermato trattative per ottenere il vaccino prepandemico della stessa azienda.

Aviaria
Aviaria | Pixabay @JUNLI – IlSerenissimoVeneto

Ma che cos’è l’influenza aviaria?

L’influenza aviaria è una malattia infettiva e contagiosa che colpisce volatili domestici e selvatici, spesso con esiti gravi, inclusa la morte dell’animale. I virus influenzali di tipo A, come il virus A/H5N1 e il ceppo H7N9, sono particolarmente preoccupanti poiché possono infettare anche gli esseri umani, causando malattie anche fatali. Questi virus hanno una spiccata patogenicità e tendono a mutare e ricombinarsi, creando nuovi sottotipi virali.

Recentemente, focolai di influenza aviaria sono stati segnalati in diverse regioni, comprese Asia, Africa ed Europa. I principali rischi per la salute umana derivanti da questa malattia includono l’infezione diretta da uccelli infetti e la possibilità di mutazioni o ricombinazioni virali che rendono il virus altamente contagioso tra gli esseri umani, facilitandone la trasmissione da persona a persona.

L’aviaria negli esseri umani

La maggior parte dei virus influenzali aviari non causa malattie negli esseri umani, ma alcuni ceppi sono zoonotici, cioè possono infettare l’uomo. Tra questi, il virus H5N1, attualmente presente nel pollame in alcune regioni dell’Asia e dell’Africa. A differenza dell’influenza stagionale umana, l’H5N1 non si diffonde facilmente da persona a persona. Sin dal primo caso umano nel 1997, questo virus ha causato la morte del 60% delle persone infettate. Dal 2011 è considerato endemico in sei Paesi, ma focolai sporadici si sono verificati anche altrove. Altri sottotipi, come H7N7 e H9N2, hanno infettato gli esseri umani, causando infezioni gravi o lievi. Nel 2013, in Cina, sono stati segnalati i primi casi di infezione da H7N9, associati a malattie respiratorie gravi. I virus dell’influenza aviaria sono stati isolati in oltre 100 specie di uccelli selvatici, ma si sospetta che possano diffondersi al pollame domestico e ad altri animali da allevamento. Gli uccelli giocano un ruolo cruciale come fonte di cibo in molti Paesi colpiti; quindi, è importante identificare e ridurre i rischi per la salute pubblica e animale.

Le cause dell’aviaria

L’influenza aviaria colpisce prevalentemente gli uccelli acquatici selvatici migratori e può essere trasmessa al pollame domestico, come polli, tacchini, anatre e oche.

Gli uccelli selvatici, spesso asintomatici, fungono da serbatoio del virus e possono diffonderlo attraverso le feci e le secrezioni respiratorie. Questo li rende molto contagiosi per gli uccelli domestici con cui gli esseri umani entrano in contatto più facilmente.

La trasmissione della malattia all’uomo avviene principalmente attraverso il contatto con le feci o le secrezioni di un uccello infetto provenienti da naso, bocca ed occhi. I modi più comuni di trasmissione sono oro-fecale, oro-nasale e congiuntivale. I mercati all’aperto e le fattorie, dove uova e uccelli sono spesso venduti in condizioni di sovraffollamento e scarsa igiene, possono fungere da focolai di infezione e diffondere la malattia in comunità più vaste. Anche il contatto con superfici contaminate può causare l’infezione.

Il virus dell’influenza aviaria (H5N1) sopravvive meglio a basse temperature, resistendo nell’ambiente per lunghi periodi (oltre 30 giorni a 0 gradi) e indefinitamente in materiale congelato. Al contrario, è sensibile al calore (almeno 70 gradi), quindi viene distrutto durante la cottura degli alimenti.

I sintomi, le complicanze e i rischi dell’aviaria

I segni e i sintomi dell’influenza aviaria possono variare. La malattia si manifesta dopo un periodo di incubazione che va da 1 a 7 giorni dall’infezione. Nei casi più comuni, i sintomi sono simili a quelli dell’influenza comune e includono tosse, febbre, mal di gola e dolori muscolari.

Virus dell'aviaria
Virus dell’aviaria | Pixabay @koto_feja – IlSerenissimoVeneto

Alcune persone possono anche sperimentare nausea, vomito o diarrea. In alcuni casi, la sola manifestazione della malattia è una lieve infezione agli occhi (congiuntivite).

Tuttavia, i sintomi possono aggravarsi e progredire verso una malattia respiratoria grave, che può essere fatale. Nel febbraio 2005, alcuni ricercatori in Vietnam hanno riportato casi umani di influenza aviaria in cui il virus aveva infettato il cervello e il tratto digestivo. Le persone affette da influenza aviaria possono sviluppare complicanze potenzialmente letali, tra cui polmonite, collasso polmonare, insufficienza respiratoria, disfunzione renale, problemi cardiaci e alterazioni neurologiche.

Vaccino e prevenzione

Per prevenire l’infezione, la Food and Drug Administration ha autorizzato un vaccino contro diverse varianti di influenza aviaria H5N1. Anche se non è disponibile al pubblico, l’Organizzazione Mondiale della Sanità lo ha in magazzino e sarà distribuito in caso di pandemia da virus H5N1. L’obiettivo della vaccinazione è fornire una protezione temporanea fino a quando non sarà disponibile un vaccino specifico per la forma mutata del virus.

Per coloro che viaggiano nel Sud-est asiatico o in altre regioni con focolai sporadici di influenza aviaria, sono raccomandate le seguenti precauzioni:

– Evitare il contatto con uccelli domestici, se possibile, evitare le zone rurali, le piccole aziende agricole e i mercati all’aperto.

– Lavarsi frequentemente le mani, uno dei modi più efficaci per prevenire le infezioni.

– Utilizzare un disinfettante a base di alcool (almeno al 60%) per pulire superfici o stoviglie toccate da pazienti o persone con sospetta influenza.

– Evitare di consumare carne o uova crude o poco cotte.

– Considerare la possibilità di vaccinarsi contro l’influenza prima di partire: anche se non protegge specificamente dall’influenza aviaria, può ridurre il rischio di contrarre contemporaneamente virus influenzali umani e aviari.

Impostazioni privacy