I piatti tipici del Veneto da provare almeno una volta

Il Veneto ha molto da offrire in cucina. Ecco i piatti più buoni della tradizione veneta che non potete assolutamente perdervi

L’Italia ha l’innata capacità di soddisfare l’appetito ovunque tu possa trovarti. Nonostante il meridione sia sicuramente una meta ambita per gli amanti del gusto, anche al nord ci sono regioni che hanno molto da offrire. Tra queste il Veneto viene spesso sottovalutato, ma dopo questo articolo saprete quali sono i piatti tipici che dovrete assolutamente provare la prossima volta che varcherete i confini della regione.

I piatti tipici più buoni del Veneto

Sapori decisi e corposi, ingredienti freschi e locali, caratterizzano tutti i piatti di cui stiamo per parlarvi. Cominciamo subito dal primo, che con il suo gusto particolare non è adatto a tutti, ma se il sapore dell’anatra piace, è fatta. Stiamo parlando dei bigoli co l’andrà.

Bigoli co l’anara

Si tratta di grossi spaghetti lavorati a torchio e in grado di assorbire alla perfezione il sugo con cui sono conditi. In questo caso, la ricetta prevede un condimento a base di ragù di anatra. Una ricetta tradizionale piuttosto antica, che come vi dicevamo può risultare dal sapore un po’ forte, per apprezzarlo davvero è necessario che siate degli amanti della carne di anatra.

Risi e bisi

A prima vista può sembrare un semplice riso e piselli, ma in realtà è molto di più, infatti va preparato a regola d’arte affinché il suo gusto sia convincente e il segreto è solo uno: abbondare. Il consiglio è di sbizzarrirsi con il formaggio e farlo fondere sopra o essere generosi con una bella tempesta di grana. Il risultato finale sarà un piatto semplice ma gustoso, in grado di riempire senza bisogno di proseguire con il secondo.

risi e bisi
Risi e bisi – Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 – ilserenissimoveneto.it

Casunzei

Si tratta di ravioli di pasta all’uovo ripieni di barbabietole rosse e dalla tipica forma a mezzaluna. Il sapore di questi ravioli è l’equilibrio perfetto tra dolce e salato, tutto merito della barbabietola accompagnata dalla ricotta. Una volta preparati si possono condire con del semplice burro fuso e semi di papavero.

Baccalà alla vicentina

Vero e proprio piatto rappresentativo del Veneto, il baccalà alla vicentina è una prelibatezza che vi consigliamo sicuramente di mangiare. Il pesce viene lasciato cuocere a fuoco debole per poi esaltare le sue note di sapore grazie all’aggiunta di latte, acciughe, cipolle e una quantità generosa di olio. Attenzione perché non è un piatto semplice da preparare, perciò meglio lasciarlo fare a qualcuno di capace e gustarlo direttamente in territorio veneto per vivere un’esperienza culinaria completa e soddisfacente.

Broeto

Chiamato anche brodetto, è un vero e proprio brodo di pesce che i marinai preparavano per non sprecare neanche un grammo del pesce. Non esiste una sola ricetta per prepararlo, infatti al suo interno di possono trovare fino a 30 tipologie di pesce differenti. Un ingrediente fondamentale però è la conserva di pomodoro, in grado di accompagnare alla perfezione il sapore deciso del pesce. Anche in questo caso è consigliabile non fare da soli, e affidarsi alle mani esperte di un cuoco veneto, che sicuramente saprà quali sono le tipologie di pesce da mescolare e quali da tenere ben separate.

Tiramisù

Eccolo qui, in tutta la sua cremosa consistenza e il suo sapore di caffè. Come non inserire uno dei dolci più famosi del mondo all’interno di questo elenco? Il tiramisù è un dolce nato a Treviso (nonostante sulla sua origine ci sia ancora un dibattito aperto), presso le Beccherie, il ristorante che ancora oggi lo prepara secondo la ricetta tradizionale. Se passate da Treviso vi consigliamo di passare a provarlo e di lasciarvi conquistare dal gusto inimitabile del dolce originale.

Tiramisù
Tiramisù – Unsplash – ilserenissimoveneto.it

Buranei Busolai

Rimaniamo sempre sul tema dei dolci per presentarvi i buranei busolai, dei biscotti tipici dell’isola di Burano a forma di ciambella. Si tratta di biscotti che le mogli dei pescatori preparavano per i loro mariti ogni giorno, per rendere i loro viaggi per mare un po’ meno amari. Secondo la tradizione, questi sono anche i dolci tipici delle feste di Pasqua. La ricetta originale ha subito diverse variazioni durante gli anni e si può dire che esistano tante versioni di questi biscotti quante sono le famiglie di Burano.

Ora sapete che anche il Veneto si difende piuttosto bene quando si tratta di cibo. Non vi resta che provare tutte queste prelibatezze durante il vostro prossimo viaggio in Veneto, siamo sicuri che non rimarrete delusi.

Impostazioni privacy