Perché l’ex generale russo Ivan Popov è stato arrestato? Un anno fa criticò Putin

Proseguono le purghe dello Zar, che questa volta ha silurato il militare colpevole di aver criticato aspramente l’operazione russa in Ucraina

Un ex comandante dell’esercito russo, il Maggiore Generale Ivan Popov, è stato arrestato con l’accusa di frode su larga scala, suscitando interrogativi sulla reale motivazione dietro la sua detenzione. Popov, noto per aver sollevato preoccupazioni riguardo alle elevate perdite militari della Russia in Ucraina, sarà trattenuto in custodia per due mesi, come riportato dalla stampa statale della Federazione. Il suo avvocato, citato dall’agenzia di stampa Tass, ha affermato che il generale ha negato tutte le accuse.

Le accuse mosse da Popov

Il Generale Popov era stato licenziato come comandante della 58ª armata nel luglio 2023 dopo aver denunciato pubblicamente le ingenti perdite tra i soldati russi, nonché la mancanza di supporto di artiglieria durante l’invasione su vasta scala contro l’Ucraina, lanciata dal presidente Vladimir Putin nel febbraio 2022. In un messaggio ampiamente condiviso, Popov aveva dichiarato: “Era necessario o restare in silenzio e essere un codardo o dire le cose come stanno. Non avevo il diritto di mentire in nome vostro, in nome dei miei compagni caduti in armi, quindi ho delineato tutti i problemi esistenti.”Tra i problemi evidenziati da Popov ai suoi superiori vi erano la mancanza di adeguati sistemi di controbatteria per respingere gli attacchi di artiglieria ucraina e la carenza di intelligence militare.

Vladimir Putin
Il presidente russo Vladimir Putin | Ansa – ilserenissimoveneto.it

Popov ha affermato che il suo licenziamento è stato richiesto dai comandanti superiori, che ha accusato di tradimento, e approvato dall’allora ministro della difesa russo, Sergei Shoigu. Le accuse di frode che hanno portato all’arresto di Popov sono state annunciate martedì dalle agenzie di stampa russe Tass e Ria Novosti. Fonti citate da queste agenzie hanno affermato che il caso sarà gestito dal 235° tribunale militare della guarnigione e che la detenzione di Popov è stata una “misura preventiva” decisa dal tribunale di Mosca il 17 maggio. Tuttavia, le agenzie non hanno fornito ulteriori dettagli sulle accuse specifiche.

La situazione dopo il cambio alla Difesa

Il contesto politico e militare russo fornisce ulteriori indizi sulle ragioni dell’arresto di Popov. Sergei Shoigu, alleato di lunga data del presidente Putin, è stato sostituito all’inizio di questo mese da Andrei Belousov, un economista con poca esperienza militare. Gli analisti sostengono che questa mossa riflette le nuove priorità del Cremlino e le enormi somme di denaro che la Russia sta ora investendo nella guerra in Ucraina, nonché la necessità di aumentare l’efficienza nelle forze armate, ampiamente considerate affette da corruzione. Negli ultimi mesi, la posizione di Shoigu era diventata sempre più precaria. La sua recente nomina a segretario del Consiglio di Sicurezza della Russia è vista da alcuni osservatori come una retrocessione.

Inoltre, in aprile, uno dei deputati di Shoigu, Timur Ivanov, è stato arrestato con l’accusa di corruzione, seguito dall’arresto del Generale Yuriy Kuznetsov, un alto funzionario del ministero della difesa, la scorsa settimana. Le ultime notizie suggeriscono che Belousov sta formando il proprio team nel ministero della difesa, eliminando i quadri di Shoigu. In questo contesto, l’arresto di Popov potrebbe essere visto come parte di una più ampia purga all’interno dell’establishment militare russo, finalizzata a consolidare il controllo e affrontare le accuse di corruzione.

Impostazioni privacy